Bce: carte di credito, aumentano le frodi online

di | 25 febbraio 2014 | attualità | 0 commenti

frodi onlineIn Europa aumenta il ricorso ai pagamenti via Internet, e inevitabilmente cresce, per la prima volta dal 2008, il livello delle frodi su carte di credito e carte di debito. Il rapporto diffuso dalla Banca centrale europea segnala come per via delle frodi sia andato perso un euro ogni 2.635 spesi in Europa via carte di credito e di debito.
Il dato rappresenta lo 0,038% su un totale di operazioni per un totale di 3.500 miliardi di euro nell’area dei pagamenti Sepa (Ue+Efta,cioè l’Associazione europea di libero scambio): il valore totale delle frodi è salito del 14,8% a 1,33 miliardi di euro, comunque più basso rispetto al dato del 2008, quando la percentuale di frodi si era avvicinata allo 0,5% del totale.
Alla luce di questa crescita la Bce invita le compagnie che si occupano dei pagamenti a sforzi maggiori per garantire la sicurezza delle transazioni online che continuano a crescere di anno in anno. “Questi dati – ha commentato il vice presidente della Bce Victor Constancio – dimostrano che dobbiamo restare vigili contro le frodi attraverso le carte di pagamento, anche se è rassicurante vedere che i livelli di contraffazione sono più bassi all’interno del circuito Sepa, di quanto non lo siano al di fuori, grazie a standard di sicurezza più elevati”.
Il rapporto mostra come nel 2012 circa il 60% del valore delle frodi sia avvenuto nelle modalità di pagamento che l’Eurotower definisce “card-not-present” (Cnp), cioè quelle via telefono o internet, mentre un quarto si è verificato ai Pos e un sesto agli sportelli automatici Atm. La maggiore percentuale di frodi si è registrata in Francia, Gran Bretagna e Lussemburgo.
L’Italia, ovviamente, non figura tra i primi posti non perché più sicura, ma perché da noi c’è ancora molta diffidenza nei confronti degli acquisti online.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.