Bankitalia: pressione fiscale al 44 per cento, tra le più alte d’Europa

di | 6 dicembre 2013 | attualità | 0 commenti

tasseCome se non bastasse la crisi economica, che ci sta impoverendo sempre più, la pressione fiscale in Italia è al 44,0% sul Pil nel 2012, in crescita rispetto al 42,5% dell’anno precedente. È quanto risulta dai dati diffusi dalla Banca d’Italia per i quali il nostro Paese si colloca al quarto posto nella zona euro, insieme alla Finlandia (pure al 44%), e al sesto posto nella Ue, scalando di un posto la classifica.
I Paesi al top della classifica sulla pressione fiscale in Europa sono la Danimarca con il 49,0% sul Pil, il Belgio (47,3%), la Francia (46,9%), la Svezia (44,7%), l’Austria (44,6%), Italia e Finlandia con il 44,0%, entrambe quarte dunque per l’area euro. Il nostro Paese – sempre analizzando i dati diffusi da Bankitalia – ha una pressione fiscale superiore sia alla media Ue (40,5%) sia alla media dell’area euro (41,6%).
Dai dati diffusi da Palazzo Koch inoltre emerge che il nostro Paese risulta sempre al top nella classifica Ue per la mole del debito in rapporto al prodotto interno lordo: nel 2012 il debito pubblico lordo si è attestato al 127,0%, in crescita rispetto al 120,7% dell’anno precedente. Peggio di noi solo la Grecia, che ha un rapporto debito-Pil nel 2012 al 156,9%. Debito a tre cifre in Europa anche per Portogallo (124,1%) e Irlanda (117,4%). La media Ue è 85,2%, nell’area euro 90,6%.
Infine una “buona” notizia, con un deficit al 3% sul prodotto interno lordo nel 2012, l’Italia si colloca tra i pochi Paesi virtuosi sotto il profilo dell’indebitamento netto. Sono infatti 17, ovvero la maggior parte, i Paesi europei che hanno un deficit più alto, tanto che la media della Ue è al 3,9% mentre quella dell’area euro è al 3,7%.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.