“Bambin Gesù”, tanti bambini al pronto soccorso per traumi e incidenti

di | 3 ottobre 2013 | salute | Commenti disabilitati su “Bambin Gesù”, tanti bambini al pronto soccorso per traumi e incidenti

dottor RealeGli incidenti sono una delle principali cause di morte tra bambini e adolescenti. Se ne è parlato nel corso del convegno “Un mondo sicuro per i nostri bambini”, oganizzato dall’Istituto per la salute del bambino e dell’adolescente del Bambin Gesù di Roma.

Nel mondo ogni 30 secondi muore un bimbo per incidenti non intenzionali, vale a dire non provocato o subito volontariamente, mentre in Europa ne muoiono ogni 2 minuti. Si tratta di incidenti evitabili con interventi adeguati nella prevenzione.

Più di un bambino su 10, ovvero l’11,02 per cento degli accessi al Bambin Gesù arriva al pronto soccorso per un incidente. Tra i codici rossi la maggior parte riguarda i traumi cranici, per i codici gialli ci sono le fratture a braccia e gambe. La caduta comunque è l’incidente più comune in età pediatrica, circa il 50 per cento dei casi, da fermi o un movimento. Considerati gli incidenti domestici, il 78,6 per cento dei bimbi ha avuto un trauma, il 12,4 ferite, il 5,9 ha inalato corpi estranei e a seguire intossicazioni, ustioni e morsi di animali. Tra le new entry nei traumi tra bimbi c’è il gioco sui gonfiabili.

Per il dottor Antonino Reale, responsabile di Pediatria d’urgenza del Bambin Gesù “gli incidenti in Italia rappresentano la prima causa di morte nella fascia di età compresa tra 1-14 anni. Prima si trattava di quelli stradali, ora sono domestici”. Un Consiglio ai genitori? “Intervenire nei primi 15 minuti, chiamando subito il 118 perché spesso gli stessi genitori possono fare più danni con gesti incongrui”.

Comments are closed.