Arriva l’anticoncezionale maschile. E sembra funzionare alla grande

di Alessandro Bovicelli*

Certo l’anticoncezionale femminile avrà sempre la meglio su quello maschile ma uno studio dell’Oms ci dice che su un campione di 320 uomini  si sono avuti ottimi risultati con un nuovo metodo anticoncezionale.

Si tratta  di un’iniezione che prevede un mix di ormoni e che va ad abbattere temporaneamente il numero degli spermatozoi da ripetere dopo alcune settimane.

Un contraccettivo ormonale a tutti gli effetti anche abbastanza maneggevole che ha avuto successo sul 96% delle coppie.

Certo non si raggiunge mai la praticità della pillola comunque può essere un’alternativa che, se confermata da altri studi, potrebbe essere impiegata. Manca in questa maniera la protezione dalle malattie sessualmente trasmesse che dà il preservativo ma i due sistemi potrebbero essere associati.

Ben venga anche per l’uomo la nascita di qualche nuovo sistema di contraccezione.

*medico, ricercatore in Ginecologia e Ostetricia nell’Università di Bologna.

Si fa un gran parlare di diritti, di parità dei sessi. Ebbene, una volta tanto la scienza e la medicina mettono gli uomini sullo stesso piano delle donne. Ben venga quindi una parità di “doveri” nella prevenzione e nell’uso degli anticoncezionali.

Il direttore

 

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.