Appello eurodeputati italiani: promuovere e tutelare il lavoro

di | 21 febbraio 2014 | lavoro | 0 commenti

ueItalia in prima linea in Europa per promuovere e tutelare il lavoro nei Paesi membri. La proposta arriva da alcuni eurodeputati italiani che oggi, a Milano, si sono confrontati nell’incontro dedicato al lavoro e alla crescita “#ReAact4Economy. Nuovo lavoro, nuovi lavori. Tutelare il futuro. Promuovere la crescita”.

“È evidente – spiega Sergio Cofferati, europarlamentare del Pd – che l’Europa ha una priorità da affrontare: la crescita economica dei diversi Paesi membri. Questo perché quando l’economia regredisce calano i posti di lavoro e aumenta la povertà. Per aumentare il lavoro – auspica Cofferati – è necessario passare attraverso grandi progetti, facendo investimenti robusti come, ad esempio, gli eurobond e la tassazione sulle transazioni finanziarie”.

“Per tutelare il futuro – fa notare Cristiana Muscardini, europarlamentare del movimento Conservatori social riformatori – bisogna pensare al futuro. È necessario ridisegnare le istituzioni europee che, al momento, non rappresenta i cittadini dei diversi Stati membri”.

“Nessun Paese – osserva – può prevaricare sugli altri come fa la Germania. Dobbiamo evitare, dunque, che ci siano interventi da parte di alcuni Paesi che per tutelare i propri interessi boicottino quelli degli altri”. Per l’eurodeputato Muscardini, è prioritario “rilanciare il lavoro rilanciano l’industria manifatturiera”.

“Occorrono – auspica – strumenti finanziari e norme per definire regole nuove contro, ad esempio, le azioni di dumping che la Cina continua a compiere. Serve – sottolinea – una linea dura contro la contraffazione che mina non solo le economie e, quindi, il lavoro dei diversi Stati membri”.

“Il lavoro – spiega Antonio Panzeri, europarlamentare del gruppo dell’Alleanza progressista dei Socialisti & democratici – lo si crea quando si allarga la base produttiva, ma quello che serve, in Europa, è un’armonizzazione tra i mercati dei diversi Paesi”.

“È tempo – avverte Panzeri – di fornire risposte concrete a livello nazionale e creare un mercato del lavoro europeo sempre più uniforme. Bisogna tutelare i lavoratori e il lavoro più che il posto di lavoro”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.