App per smartphone e tablet: un giro da oltre 25 miliardi, l’1,6% del Pil

di | 2 aprile 2014 | attualità | 0 commenti

smartphoneQuello di smartphone e tablet è un mercato in continua crescita, e con un giro di soldi miliardario. Infatti in Italia il valore complessivo dell’economia legata alle app vale 25,4 miliardi di euro, pari all’1,6% del Pil. Salirà a 40 miliardi nel 2016, pari al 2,5% del Pil: la stima è contenuta in una ricerca degli Osservatori Ict del Politecnico di Milano. Secondo l’indagine, il mobile ha generato in Italia un circolo virtuoso: smartphone e tablet raggiungeranno quota 45 e 12 milioni a fine 2014, le vendite dei contenuti digitali (giochi, news) da dispositivi mobile è cresciuta di oltre il 30%.

“Questa domanda ha abilitato opportunità innumerevoli per le imprese per gestire via ‘mobile’ la relazione con i propri consumatori e per automatizzare e rendere più efficienti i propri processi aziendali. Sta sviluppandosi quindi una nuova porzione di economia che chiamiamo ‘Mobile & App Economy” afferma Andrea Rangone, Coordinatore Osservatori Ict del Politecnico di Milano. “Questo mercato – aggiunge – è destinato a crescere grazie soprattutto alla spinta generata dall’utilizzo crescente di soluzioni di Mobile Commerce e Mobile Payment”.

L’indagine del Politecnico di Milano descrive anche le abitudini dei ‘mobile surfer’, quelli che navigano con un dispositivo mobile: uno su tre ha scaricato app a pagamento sul proprio smartphone; uno su cinque ha acquistato almeno un prodotto o servizio; quattro su cinque interagiscono con la pubblicità dai dispositivi mobili; uno su due vorrebbe utilizzarli anche come strumento di pagamento al posto della carta di credito.

“In questo scenario – sottolinea la ricerca – un ruolo importante sarà giocato dalle startup, in grado sia di creare nuovi modelli di business rivolti direttamente al consumatore finale, sia di supportare le imprese nel loro processo di trasformazione digitale e mobile. Nel corso del 2013 sono state oltre 600 quelle finanziate a livello internazionale”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.