Anche le Miss in campo contro il femminicidio e l’omofobia

di | 22 novembre 2013 | spettacolo | 0 commenti

foto MissLa battaglia culturale contro il femminicidio e l’omofobia si combatte anche attraverso la bellezza e l’arte. È questa la scelta della kermesse Miss Vesuvio, la cui finalissima è in programma al Teatro Totò di Napoli e che vedrà una serie di coreografie dedicate a questo importante tema. La serata, sarà presentata dall’esilarante speaker radiofonico e televisivo Gaetano Gaudiero, ormai al timone della kermesse da cinque anni, e che per la finale mostrerà anche le sue doti di ballerino insieme alle miss travestite da uomini in una splendida coreografia firmata Ettore Squillace. Un modo forte per parlare di una campagna di sensibilizzazione di cui il concorso si è fatto promotore quest’anno: quella contro il femminicidio. Una seconda coreografia, sempre realizzata da Squillace, affronterà un’altra tematica molto sentita quella contro l’omofobia.

“Le finaliste – informa un comunicato vergato dalla responsabile delle comunicazioni, Vera Terracciano – oltre a sfilare, daranno prova di shooting e spigliatezza offrendo al pubblico un meraviglioso spettacolo. L’eliminazione avverrà direttamente sul palco, dove alla fine della serata resteranno cinque concorrenti, alle quali, il presentatore Gaetano Gaudiero leggerà a sorpresa le lettere che ogni mamma ha scritto personalmente per la propria reginetta”.  Ad incoronare, la Miss Vesuvio 2013, invece, sarà un noto modello a sorpresa. Alla kermesse prenderà parte anche Carmen Rimauro, Miss Vesuvio 2012. Ospiti musicali saranno Massimo Masiello e Bruno Cuomo che delizieranno i presenti con famosi classici napoletani. La Miss Vesuvio 2013 vincerà un anno di corso di recitazione gratuito presso il Teatro Totò, storico partner del concorso, e vari contratti pubblicitari.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.