Allarme uliveti nel Salento, appello di Unaprol al ministro De Girolamo

di | 7 novembre 2013 | agricoltura | 0 commenti

L’allarme uliveti nel Salento continua a destare preoccupazione. Le novità drammatiche, arrivate con l’individuazione del batterio che ha colpito le piante, stanno mettendo in ginocchio un settore vitale per l’economia del territorio. Secondo quanto si è appreso la Xylella fastidiosa rientra nella lista A1 della Eppo, l’organizzazione intergovernativa responsabile della cooperazione europea per la salute delle piante. Si tratta di un batterio che prima non era presente in tutta la zona europea, al contrario di Asia e America.

Il presidente di Unapol, Consorzio Olivicolo Italiano, Massimo Gargano, ha lanciato un appello al Ministro dell’Agricoltura De Girolamo e alla Conferenza Stato Regioni: “I lunghi tempi decisionali che si stanno prospettando per risolvere questa problematica, in particolare demandando alla UE la risoluzione del problema, non possono essere accettati”

“Ritengo – continua – che attraverso gli strumenti che già sono a disposizione sia a livello nazionale che regionale, in particolare attraverso il PSR con le misure presenti nell’asse 2, e non solo, si ha l’opportunità di intervenire immediatamente e in tempi brevi per tutelare il patrimonio olivicolo non solo di queste aree ma di tutta Italia”.

“Proprio la valenza economica, paesaggistica ed occupazionale del settore dell’olio di oliva, in particolare delle regioni del centro-sud – conclude – mi obbliga ad un richiamo di responsabilità a tutti i presidenti e assessori regionali perché in modo sinergico facciano sistema e si attivino senza indugio per rimediare a questa emergenza, come hanno dimostrato in altre occasioni di saper fare”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.