Alla preside Romano il Memorial “Pio La Torre 2013”

di | 24 gennaio 2014 | legalità | 0 commenti

Pio-La-TorreSarà conferito alla professoressa Eliana Romano, dirigente scolastico dell’Istituto Superiore “Francesco Ferrara”, il Memorial Pio La Torre 2013 “per il suo impegno atto a favorire la partecipazione, la convivenza e la coesione sociale, in particolare nei quartieri del centro storico di Palermo dove convivono comunità provenienti da ogni angolo del mondo, arricchendo la nostra società”. A consegnare personalmente il riconoscimento alla docente, punta di diamante del corpo docente della Sicilia, sarà Franco La Torre, figlio del compianto Pio, vittima della criminalità organizzata. L’appuntamento è per domani alle ore 10,30 presso l’Aula Magna della scuola.

La manifestazione, voluta e coordinata dal Centro Studi culturale Parlamento della Legalità, vedrà in prima fila il Presidente della Commissione Cultura e Lavoro dell’Assemblea Regionale Siciliana Marcello Greco ma – ed è questa la notizia più bella – l’esponente istituzionale sarà affiancato da un gruppo di giovani migranti, sbarcati nei mesi scorsi a Lampedusa in cerca di fortuna e lavoro, ospiti della Comunità di Piana degli Albanesi.

“Ogni anno – spiega alla Voce sociale il professor Nicolò Mannino, Presidente del Parlamento della Legalità – presentiamo agli studenti tutte quelle figure di Uomini liberi che hanno portato a compimento la loro missione credendo fino in fondo nei grandi ideali della vita senza piegare le ginocchia dinnanzi a nessun compromesso , certi che la verità e la dignità non vanno mercanteggiati. Pio La Torre, Rosario di Salvo, come pure Rocco Chinnici, Don Pino Puglisi, GIovanni Falcone, Paolo Borsellino, il piccolo Giuseppe Di Matteo, figure profetiche come Giovanni Paolo II, Madre Teresa di Calcutta , Rosario Livatino, Libero Grassi sono astri luminosi che brillano e squarciano il buio di chi pensa che cambiare è impossibile. Noi presentiamo la storia e lo zelo di questi uomini e di queste donne che non meritano di essere dimenticati”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.