Alfano: la Ue candidi l’isola di Lampedusa al Nobel per la pace

di | 4 ottobre 2013 | attualità | Commenti disabilitati su Alfano: la Ue candidi l’isola di Lampedusa al Nobel per la pace

lampedusa“A questo momento abbiamo 155 vite salvate, 111 vittime e alcune decine di vittime visibili tra le lamiere dell’imbarcazione”, che trasportava tra i 400 e i 500 passeggeri. Così il ministro dell’Interno Angelino Alfano alla Camera nel corso dell’informativa sulla strage degli immigrati a Lampedusa. “I conti non tornano – ha aggiunto – sarà importante vedere se nella stiva della nave ci siano altri corpi. In quel posto della nave viaggiano coloro i quali pagano il biglietto meno caro”.

Intanto le condizioni del mare a Lampedusa continuano ad essere proibitive e le ricerche in area sommersa dei corpi dei dispersi, dopo il tragico naufragio di ieri, sono sospese. La guardia costiera spiega che dovrebbero ripartire nel primo pomeriggio mentre stanno continuando i pattugliamenti con le motovedette e gli elicotteri. Un applauso dell’aula della Camera ha accolto le parole di ringraziamento che il vicepremier ha rivolto alla “squadra Italia” che ha soccorso i migranti del naufragio a Lampedusa. Il ministro ha ringraziato non solo tutte le forze dello Stato in campo, ma anche i “cittadini, i diportisti e i pescatori, che con un cuore grandissimo hanno accolto e soccorso e migranti, uno sforzo straordinario”. “Non c’è ragione per pensare e per sperare che sarà l’ultima volta”, ha poi avvertito Alfano. La questione è “se l’Europa intende difendere la frontiera che ha disegnato con il trattato di Schengen. Uno Stato che non protegge la sua frontiera semplicemente non è. E allora l’Europa deve scegliere se essere o non essere”.

Il vicepremier ha ricordato come per contrastare i traffici di morte occorre “una strategia integrata e la cooperazione degli Stati e delle Polizie dei Paesi da cui partono i migranti”. Il peschereccio naufragato, ha ricordato Alfano, “è partito dalla Libia, ma a bordo c’erano eritrei, somali, persone che avevano attraversato pezzi di Corno d’Africa prima di arrivare a Misurata”. Poi Alfano ha spiegato come Lampedusa sarà una tragedia che si ripeterà, se non verranno presi provvedimenti: “Oggi abbiamo un nuovo check-point Charlie, si trova in mezzo al Mediterraneo e si chiama Lampedusa”. “È – ha aggiunto – il passaggio a livello tra Paesi che non hanno democrazia e benessere, non hanno nulla e l’Europa”. Infine il ministro ha chiesto che anche l’Unione europa sostenga la candidatura di Lampedusa per il Nobel della pace.

Comments are closed.