Agenzia spaziale italiana, si dimette Saggese

di | 7 febbraio 2014 | attualità | 0 commenti

Enrico-SaggeseIl presidente dell’Agenzia spaziale italiana (Asi), Enrico Saggese, si è dimesso. Insieme ad altre sei persone, è indagato per le ipotesi di reato di corruzione e concussione in merito a presunte irregolarità di rapporti contrattuali che legano l’Asi e alcune società. Per cui ha messo suo mandato a disposizione del ministro dell’Istruzione e della ricerca Maria Chiara Carrozza.
“Enrico Saggese”, si legge in una nota, “nel rispetto delle indagini in corso, ribadendo la sua totale estraneità ai fatti contestatigli, nell’interesse dell’autorevolezza internazionale dell’Asi, acquisita specialmente nell’ultimo quinquennio, e al fine di meglio difendere la propria integrità, onorabilità e prestigio, maturati in più di quarant’anni di attività nel settore spaziale, ha inviato al ministro vigilante una lettera di messa a disposizione il proprio mandato di presidente dell’Agenzia spaziale italiana, con effetto immediato”.
Giovedì Saggese aveva dichiarato di essere “personalmente e totalmente estraneo a qualsiasi ipotesi di reato. Desidero sottolineare che si tratta di una vicenda interna impropriamente trasformata, tramite esposto, in una questione di rilevanza penale”.
L’attività istituzionale dell’Asi, dice, “non è assolutamente toccata da questo episodio e confidiamo in una rapida conclusione, in sede competente, per ridare serenità ai lavoratori dell’Asi impegnati in molte attività internazionali”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.