A Narni una lapide commemorerà il poeta Janus Pannonius

di | 11 novembre 2013 | cultura | 0 commenti

janus-pannoniusIl 16 novembre, alle ore 12, Antal Molnár, direttore dell’Istituto Balassi- Accademia d’Ungheria in Roma, Francesco De Rebotti, Sindaco di Narni e Gianni Giombolini, Assessore alla Cultura del Comune di Narni inaugureranno una lapide commemorativa in onore di Janus Pannonius (1434-1472) sulla parete interna della Fonte di Feronia, sita nella città umbra di Narni. Parteciperanno all’evento Géza Szőcs, Commissario di Stato di Ungheria e János Balla, ambasciatore di Ungheria.

La lapide, realizzata dallo scultore ungherese Premio Kossuth, Róbert Csíkszentmihályi, con il ritratto a forma di medaglia del poeta e l’iscrizione in latino- italiano-ungherese, intende ricordare la visita di Janus Pannonius nel giugno del 1458 alla fonte dedicata a Feronia e venerata sin dall’antichità; nonché l’elegia composta dal poeta in lode alla ninfa, spesso citata anche dai posteri.

La fonte di Feronia che scorre ai piedi del castello dalle quattro torri situato sopra la città, viene considerato un luogo geografico piuttosto privilegiato, il cui contesto odierno è rimasto pressappoco uguale a quello dell’epoca della visita del poeta. Nella storia della letteratura accade piuttosto di rado che il luogo di componimento di una famosa opera letteraria possa essere ricondotto ad un sito così preciso, e che lo stesso posto possa essere visto oggi allo stesso modo di come lo vide il poeta mezzo millennio fa.
In seguito alla cerimonia, alle ore 13.00, la delegazione ungherese si recherà in visita alla casa natale di Galeotto Marzio, miglior amico di Janus Pannonius, nonché studioso del re Mattia Corvino.

Il programma alle ore 16.00 proseguirà con una tavola rotonda presso la Sala Conferenza del Museo Civico, nel corso della quale László Jankovits, storico della letteratura (Università degli Studi di Pécs), Amedeo di Francesco (Università degli Studi di Napoli, L’Orientale), László Csorba (Direttore del Museo Nazionale Ungherese) e Roberto Stopponi, storico, nativo di Narni, analizzeranno l’elegia Feronia di Janus Pannonius, soffermandosi sul ruolo e sul contributo del poeta alla diffusione dell’Umanesimo in Ungheria, sulla storia del culto dei ricordi ungheresi in Italia e sull’attività di Giovanni Eroli, storico nativo di Narni, autore di traduzioni e commenti relativi a Janus Pannonius. Per l’evento solenne verrà pubblicato anche un libretto in italiano, a cura dell’editore Balassi, inteso a presentare la storia della nascita dell’elegia e della sua ricezione. La lapide commemorativa è stata realizzata su iniziativa di Géza Szabó, storico della letteratura, presso l’atelier del Maestro della pietra lavorata, István Fáskerti, nell’ambito dell’Anno Culturale Ungheria-Italia 2013, con il sostegno del Fondo Nazionale Culturale Ungherese.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.