A Elisabetta Ranieri (Calabria on web) il premio giornalistico “Marco Rossi”

di | 26 settembre 2013 | cultura | Commenti disabilitati su A Elisabetta Ranieri (Calabria on web) il premio giornalistico “Marco Rossi”

Foto premiazione Elisabetta RanieriAd Elisabetta Ranieri (nella foto) – collaboratrice di Calabria on web (magazine edito dal Consiglio regionale della Calabria www.calabriaonweb.it) – vincitrice ex aequo, per la sezione “Documentari e inchieste”, del premio giornalistico “Marco Rossi”, sono giunte le congratulazioni del presidente dell’Assemblea legislativa calabrese.

“Mi auguro – ha detto Francesco Talarico – che questo importante riconoscimento sia da sprone per ulteriori successi legati alla realtà del lavoro nel nostro Paese che ha bisogno di essere raccontato e spiegato con il necessario disincanto e la massima obiettività possibile”. Con “Di bianco c’è solo il telo” – audio documentario autoprodotto che ripercorre i tragici istanti dell’incendio allo stabilimento torinese della Thyssen Krupp in cui persero la vita nel 2007 sette operai, Elisabetta Ranieri è appena reduce da un successo, essendosi classificata al primo posto, ex aequo, con Flavia Piccinni, autrice di “Italia-Romania: In viaggio con le badanti”.

Una grande emozione per Elisabetta che ha parlato di questa importante esperienza di inchiesta e di impegno per raccontare quella verità che è missione del giornalista, ma anche per maturare “quella conoscenza che a volte va al di là della mera cronaca giornalistica e che riguarda la realtà quotidiana dei molti, troppi operai che ancora oggi lavorano in situazioni precarie e non sicure”.

28 anni, catanzarese, laureata in Scienze della Comunicazione all’Università Cattolica di Milano con una tesi (alla cui discussione ha presenziato Enzo Jannacci) dal titolo “L’Italia dal boom economico al caso Moro: i movimenti del ‘68 e del ‘77 analizzati attraverso le voci delle radio libere e dei cantautori”, ha da poco concluso il dottorato in Beni Culturali presso il Politecnico di Torino. Attualmente, è giornalista freelance, ricercatrice presso la facoltà di Ingegneria del Cinema presso il Politecnico di Torino e da un anno è socia di Audiodoc, prima associazione di audio documentaristi indipendenti italiani.

Comments are closed.