A don Patriciello la solidarietà dalla Rete dei Comitati vesuviani/Zero Waste Italy

di | 18 dicembre 2013 | ambiente | 0 commenti

don maurizioUna lettera aperta a don Maurizio Patriciello, il prete coraggio della Terra dei fuochi, per esprimergli la vicinanza della Rete dei Comitati vesuviani/Zero Waste Italy. Franco Matrone, il portavoce del movimento, si è rivolto direttamente al sacerdote: “oltre ad esprimerti tutta la nostra personale vicinanza e solidarietà anche a nome dei tanti cittadini vesuviani che ti hanno conosciuto ed apprezzato, chiediamo a chi di competenza di agire con immediatezza a verificare la veridicità di tali minacce”.

Il rischio è che don Patriciello sarebbe costretto “ad una esposizione pubblica ridotta”; il che – scrive il professionista che ha da tempo abbracciato la causa della difesa dell’ambiente – “corrisponde esattamente alle intenzioni di chi profferisce tali minacce”. “E – prosegue – un don Patriciello “dimezzato” o addirittura ridotto al “silenzio” l’intero movimento civico della Campania non se lo può permettere proprio in questo momento di possibile capitalizzazione, con interventi legislativi di un certo peso, i tanti anni di lotte sui territori per portare alla ribalta nazionale lo scempio ambientale dell’intera Campania. Ecco perché è importante capire e agire immediatamente”.

Secondo il portavoce della Rete dei Comitati vesuviani/Zero Waste Italy “isolare, in qualunque modo, seppur a fine di salvaguardia della propria incolumità, il simbolo della speranza della riscossa dei martoriati territori inquinati ridurrebbe di molto il risultato, a nostro modesto avviso a portata di mano, di avviare concretamente azioni di salvaguardia ambientale e della salute dei cittadini. Ecco perché da qui in avanti ci sentiremo ancora più vicini e legati a padre Maurizio e al suo Vescovo e saremo maggiormente vigili a denunciare qualsivoglia azione, da qualunque parte provenga, che tenti di spegnere voci di tale autorevolezza”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.