112mila bambini italiani vittime della povertà sanitaria

di | 19 novembre 2013 | attualità | 0 commenti

bimbi malatiMentre la politica discute, per lo più di problemi che nulla hanno a che vedere con la sopravvivenza quotidiana, oltre 112 mila i bambini sono vittime della povertà sanitaria. Una vergogna nazionale che dovrebbe indurre la nostra classe dirigente ad un serio esame di coscienza. L’allarme è stato lanciato dall’Osservatorio Donazione Farmaci della Fondazione Banco Farmaceutico in occasione della giornata mondiale dell’infanzia che si terrà domani. I dati sono il risultato della ricerca che è stata effettuata su un campione di 1500 enti che si occupano di assistenza sanitaria infantile, convenzionati con il Banco Farmaceutico, su tutto il territorio italiano tra cui le Caritas Diocesane, Don Orione, Centro Astalli e Unitalsi nel periodo novembre 2012-novembre 2013. La povertà sanitaria, dunque, negli ultimi anni sta colpendo tutte le fasce della popolazione compresi i più piccoli.

Dei 1.500 enti assistenziali che beneficiano dei medicinali raccolti dal Banco Farmaceutico, ben 641 si occupano di assistenza sanitaria a livello pediatrico con una percentuale media di utenti minori vicina al42%. Nel periodo analizzato è in forte aumento il numero di enti che fanno richiesta di prodotti specificatamente rivolti all’infanzia. Dalla ricerca emerge come il fabbisogno annuo di prodotti pediatrici richiesti dagli enti assistenziali sia di2.250.000 unità con una media di 3.500 pezzi per ogni organizzazione benefica. In particolare le richieste presentate dagli enti di solidarietà al Banco Farmaceutico parlano chiaro: 500.000 pannolini, 550.000 omogeneizzati, 54.000 disinfettanti e 127.000 confezioni di latte in polvere. Il fabbisogno del Nord è di 1.500.000 unità, quello del Centro di387.000, al Sud e Isole di 380.000. Tra i prodotti più richiesti, oltre a quelli per l’igiene (pannolini, disinfettanti) e l`alimentazione (omogeneizzati, latte in polvere), anche molti farmaci da banco (antipiretici, mucolitici, etc…) oltre 355.000 pezzi.

L’attività del Banco Farmaceutico a favore dell`infanzia in difficoltà si è resa possibile sia grazie alla Giornata Nazionale di raccolta del Farmaco, ma anche e soprattutto grazie al sostegno e alle donazioni delle aziende farmaceutiche, che proprio per i bambini hanno risposto donando 76.000 confezioni di prodotti vari (antibiotici ad ampio spettro, antipiretici, mucolitici, espettoranti, antiinfiammatori, prodotti oftalmologici, fermenti lattici, vitamine e presidi, termometri) per un valore commerciale di oltre 500.000 euro.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.